Film a caso in pillole: Sesso sfortunato o follie porno

locandinaTitolo orribile per un film premiato – vai a capire perché – con l’Orso d’Oro al Festival del Cinema di Berlino.

Più ruffiano (della serie: come attirare l’attenzione) che non provocatorio, a meno che i 3 minuti iniziali di puro porno o un linguaggio esplicito-cafone in diverse scene, siano da considerarsi provocazioni. De gustibus…

La storia è quella di una professoressa nei guai per un filmato hard finito in rete.

La parte migliore non è il porno, nemmeno un finale che sarà pure metafora di altro ma è inguardabile, tantomeno una prima parte in cui non succede praticamente nulla, con la telecamera che segue la protagonista intenta a fare la spesa, salvo poi indugiare su cartelloni pubblicitari o particolari di edifici, ancora meno una parte centrale-cabaret, buona per la rubrica “Lo sapevate che?”.

La parte migliore è sicuramente quella che arriva dopo più di un’ora, quando finalmente va in scena il confronto tra la professoressa e i genitori degli alunni, una parte “normale”, giocata secondo linguaggi e inquadrature classiche (ah, ma allora quando il film vuole dire qualcosa di importante parla semplice…). Il che non fa che aumentare la distanza col resto del film, che usa un linguaggio non facilmente digeribile da chi, come noi, non capisce nulla di cinema alto.

Sesso sfortunato o follie porno (Babardeala cu buclucsau porno balamuc, 2021) – di Radu Jude

Film a caso in pillole: Sesso sfortunato o follie pornoultima modifica: 2022-11-07T16:41:03+01:00da alexbartoli
Reposta per primo quest’articolo