Film a caso in pillole: Lou

LouImproponibile.

Una vecchia artritica si trasforma in Rambo per salvare la figlia della vicina, rapita dal padre. Poi vabbé, si scoprirà che la vecchia nasconde segreti, ma resta il fatto che ha l’artrite alla mano (a un certo punto ha pure una picozza piantata in una scapola) e riesce a far fuori gente molto più giovane e addestrata di lei.

Un’ora e quaranta minuti che non passano mai e che ribadiscono la necessità di una legge che impedisca ai film, salvo comprovate esigenze artistiche, di durare più di una partita di calcio. E qui di comprovate esigenze artistiche vi assicuriamo che non ce ne sono, ma sarebbe già tanto rispettare la logica, basti citare il padre supercattivo che non si porta nemmeno una pistola nella resa dei conti e permette alla figlioletta di allontanarsi (deve andare in bagno), lo sceriffo che scompare misteriosamente poco prima della resa dei conti, o i due compari del padre supercattivo, che non si capisce quale ruolo abbiano nel “piano”, se non quello di prenderle di santa ragione da una vecchia artritica.

Lou (2022) – di Anna Foerster

Film a caso in pillole: Louultima modifica: 2022-11-01T11:49:33+01:00da alexbartoli
Reposta per primo quest’articolo